Record ticinese sui 60 metri per Ajla Del Ponte in Germania; personale per Emma Piffaretti nel salto lungo e negli ostacoli a Macolin

Il secondo appuntamento del calendario atletico nazionale al coperto si è svolto nel fine settimana a Macolin, dove circa 130 partecipanti si sono annunciati per le diverse discipline suddivise su due giorni, dai lanci ai salti, dal mezzofondo allo sprint, ostacoli compresi. Con una partecipazione sempre limitata agli atleti membri dei quadri nazionali, la manifestazione ha visto pure la presenza di tre atleti ticinesi.

Nel frattempo, venerdì sera Ajla Del Ponte aveva corso a Karlsruhe nell’ambito della prima tappa europea del World Indoor Tour. In Germania la velocista dell’US Ascona aveva corso i 60 metri in 7’’17 chiudendo al terzo rango ed eguagliando il suo primato personale. Due giorni dopo, domenica, Ajla ha poi corso a Düsseldorf, dove ha chiuso al secondo rango in 7’’16 alle spalle della britannica Dina Asher-Smith (7’’12), campionessa del mondo sui 200 metri a Doha nel 2019. Il risultato è sinonimo di primato personale e di conseguenza nuovo record ticinese sulla distanza. A Düsseldorf Ajla, che aveva corso in 7’’19 nelle serie, ha così ribadito il suo ottimo stato di forma e ha anche ampiamente confermato il limite per la partecipazione agli Europei al coperto che si svolgeranno a Torun, in Polonia, dal 4 al 7 di marzo.

Tornando a Macolin, bell’esordio stagionale per Emma Piffaretti dell’US Ascona che sabato ha corso i 60 metri in 7’’76 e 7’’81, oltre ai 60 ostacoli con il personale di 8’’85, mentre domenica ha chiuso al secondo rango nel salto in lungo con un altro primato personale al coperto di 6.02 metri (all’aperto ha un 6.40 m), a soli 12 centimetri dal primato cantonale U20 di Irene Pusterla ottenuto nel 2007.

Mattia Schenk delle Frecce Gialle Malcantone, chiudendo in 7’’36 sui 60 metri si è avvicinato al tempo di 7’’30 corso San Gallo e si è invece migliorato notevolmente nei 200 metri con un buon 22’’52, che è anche il suo nuovo primato personale. Mattia Tajana del GA Bellinzona ha da parte sua corso sui 400 metri, terminando terzo in 50’’01 alle spalle dello zurighese Kariem Hussein (48’’27).

Al Palaindoor di Padova, invece, buona prestazione per Emma Lucchina (Vigor Ligornetto) che ha chiuso sabato i 1’500 metri al terzo rango in 4’34’’92 e domenica gli 800 metri al secondo rango in 2’13’’63, chiaramente il suo personale. Sui 1’500 metri bene anche le compagne di società: la giovane U18 Giulia Salvadè in 4’45’’96 e Laura De Marco in 4’59’’68, mentre al maschile Raffaele Prochowski (sempre VIGOR) ha concluso in 4’27″84. Sui 60 metri, sempre per la società di Ligornetto, buon 7’’26 per l’U18 André Da Cruz.

I prossimi appuntamenti su suolo elvetico sono tutti previsti a Macolin: il 6 e 7 febbraio un meeting con anche il Campionato nazionale di prove multiple, il 13 e poi il 20 e 21 con i Campionati nazionali.

Elia Stampanoni